il meteo in Sicilia
Siciliainfoto.it
I COMUNI DEL PARCO DELL'ETNA
Ricerca personalizzata
Home page Sicilia Forum Catania inizi 900 Etna Mandorlo in fiore Parco Ronza Info turistiche Midi folk Siciliani Isole Eolie
Parco dell'Etna
Adrano
Belpasso
Biancavilla
Bronte
Castiglione di Sicilia
Giarre
Linguaglossa
Maletto
Mascali
Milo
Nicolosi
Pedara
Piedimonte Etneo
Ragalna
Randazzo
S.  Alfio
S. Maria di Licodia
Trecastagni
Viagrande
Zafferana




 
IL PARCO DELL’ETNA

Per salvaguardare l’immenso patrimonio naturale nel Marzo del 1987 stato istituito il Parco dell’Etna, che si estende dalla vetta del vulcano Etna fino alla cintura superiore dei paesi etnei, nello stesso anno del mese di agosto viene istituito l’Ente  Parco dell’Etna con sede in Nicolosi (CT), un ente di diritto pubblico per la gestione delle aree protette del Parco.

Il Parco dell’Etna suddiviso in due zone, zona “A” che si estende per circa 19.000 ettari ed la zona di riserva integrale dove l’intervento dell’uomo ridotto al minimo indispensabile, e la zona “B” che si estende per circa 26.000 ettari formata per lo pi da insediamenti agricoli.

I comuni ricadenti all'interno del Parco dell'Etna sono 20 e pi precisamente, Adrano, Belpasso, Biancavilla, Bronte, Castiglione di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Maletto, Mascali, Milo, Nicolosi, Pedara, Piedimonte Etneo, Ragalna, Randazzo, S. alfio, S. Maria di Licodia, Trecastagni,  Viagrande, Zafferana Etnea.

Lo scopo dell'istituzione del Parco dell’Etna quello di tutelare  il patrimonio floreale e faunistico tipico del territorio.

L’Etna offre un paesaggio davvero sorprendente e variegato, si passa dalle distese di lave scure e impervie, a fiumi di lava  nera che attraversano prati e boschi.

Nelle zone sommitali del vulcano Etna non vi alcuna forma di vegetazione, in quanto le colate laviche recenti non sono ospitali a tali forme di vita, scendendo a quota 2400 m. s. l.m. troviamo i primi colonizzatori del vulcano ovvero i licheni, il muschio e la saponaria sicula, pi in basso troviamo la ginestra dell’Etna, che nella tarda primavera con la sua fioritura colora il paesaggio di giallo ed impregna l’aria di un profumo intenso e inebriante insieme all’Asralago o meglio conosciuto come “spino santo” una pianta che si adatta bene alle zone impervie.

Intorno ai 2000 metri troviamo colonie di Faggi e Betulle, scendendo pi in basso vi sono splendidi boschi di  Roverella e Pino Laricio specie sul versante orientale del vulcano mentre sul versante occidentale, ancora pi in basso tra i 1000 e i 1500 metri troviamo castagneti e le prime coltivazioni di pometi noccioleti e vigneti,. sul versante occidentale troviamo ancora boschi di querce, pometi  castagni, noccioleti e pistacchieti ( rinomato il pistacchio di Bronte).

In contrada Carrinu ricadente nel territorio di Milo si pu  ammirare una secolare quercia l'Ilice, si stima abbia oltre 800 anni, ha una circonferenza alla base di 10 metri e un'altezza di 30 metri.

LA FAUNA

  Passeggiando lungo gli innumerevoli sentieri che portano in luoghi mozzafiato come la Valle del Bove, la Grotta del Gelo, facile incontrare innumerevoli specie di animali che popolano l’Etna, come l’Istrice, la Volpe, il Gatto Selvatico, il Ghiro, il quercino e varie specie di pipistrelli. Molti sono gli uccelli che vivono nel vulcano, il pi maestoso e raro tra tutti l’Aquila Reale, vi troviamo anche la Poiana, il Gheppio, lo Sparviero, il Falco pellegrino, e tanti altri. Nel  sottobosco vivono varie famiglie di rettili come la Lucertola, il Ramarro, e molte specie di serpenti di questi l’unica pericolosa la Vipera.



Etna eruzione


Etna - Crateri Silvestri














Etna - Ilice