Il meteto in Sicilia
il meteo in Sicilia
Siciliainfoto.it
RAGUSA 
Ricerca personalizzata
Home page Sicilia Forum Ragusa Ibla Etna Mandorlo in fiore Parco Ronza Info turistiche Midi folk Siciliani Isole Eolie
Catania
Messina
Siracusa
Ragusa
Trapani
Caltanissetta
Agrigento
Enna




RAGUSA

La città di Ragusa si erge tra monti Iblei a circa 500 m. s.l.m. tra Ragusa e Ragusa Ibla vi sono delle depressioni a Canyon scavate dai fiumi S. Leonardo e S. Domenico affluenti del fiume Irmio il più importante della Sicilia Sud Orientale, gli abitanti di Ragusa prendono il nome di ragusani.

Le origini di Ragusa si fanno risalire al XIV sec. a.C. a testimonianza di ciò le numerose necropoli scavate nella roccia rinvenute nei pressi di Ragusa.

I primi colonizzatori di Ragusa furono i Siculi che si insediarono nella collina di Ibla.

Nel III sec. a. C. Ragusa viene conquistata dai Romani, e successivamente nel 330 d.C. dai Bizantini.

Nel 848 Ragusa subisce la dominazione Araba, questi introdussero nuove colture dando nuovo  impulso allo sviluppo agricolo.

Nel 1091 i Normanni guidati da Ruggero d’Altavilla conquistarono Ragusa, Ruggero tenne per se Modica, Scicli, Ispica e Giarratana, mentre Ragusa con il titolo di Contea la cedette al figlio Goffredo.

Con le nozze tra Costanza d’Altavilla erede al trono di Sicilia ed Enrico VI, Ragusa passa sotto la dominazione Sveva che durerà fino al 1266 data della conquista da parte degli Angioini scacciati poi da Ragusa nel 1282 con la rivolta dei Vespri Siciliani, seguì la dominazione degli Aragonesi i quali  ripristinarono il sistema feudale e assegnarono la contea di Ragusa ai Chiaramonte successivamente unita con la contea di Modica dei Cabrera i quali dando le terre in enfiteusi fecero da traino per lo sviluppo dell’agricoltura e agli allevamenti.

Nel 1693 un terribile terremoto che colpì gran parte della Sicilia orientale non risparmio Ragusa che venne completamente devastata.

Dopo il terremoto la nuova borghesia ed i massari preferirono ricostruire la città nella collina sovrastante in contrada Patro dando origine alla Nuova Ragusa ed essendo fedeli di San Giovanni dedicarono a lui la cattedrale, mentre la classe nobile preferì ricostruire sui resti della vecchia città di Ragusa,  fedeli di S. Giorgio dedicarono a lui la cattedrale, così si ebbero Ragusa inferiore e Ragusa superiore, più tardi Ragusa inferiore riprese il vecchio nome di Ibla, bisognerà aspettare il 1926 per vedere riunificate le due cittadine divenendo così capoluogo di provincia.

L'ECONOMIA

L’economia di Ragusa si basa sull’industria in particolare si produce asfalto, vi sono anche numerosi giacimenti di petrolio, è molto fiorente la pastorizia, e l'industria lattiero-casearia, in particolare Ragusa è rinomata in tutto il mondo per la produzione ed esportazione della "Provola Ragusana" un formaggio tipico locale dal gusto raffinato e unico tanto da ottenere nel 1996 la denominazione di origine protetta. Negli ultimi decenni si è andato sempre più consolidando sia il turismo campestre grazie alla nascita di innumerevoli agriturismo che il turismo balneare grazie alla vicina Marina di Ragusa che offre un’oasi di tranquillità ai villeggianti, non di meno è il turismo culturale grazie alle innumerevoli bellezze architettoniche che tutta la Val di Noto possiede, tanto da essere inserita nel 2002 dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.


Cattegrale_S.G.Battista
Cattedrale S. G. Battista

Cattegrale S. G. Battista
Cattedrale S. G. Battista





Ponte Vecchio







 

info@siciliainfoto.it

Copyright © 2000-2010  http://www.siciliainfoto.it  Tutti i diritti riservati